acquistare_casa_condominio

Le 4 cose da valutare in ambito condominiale quando acquisti casa

acquistare-casa

Se stai pensando di acquistare casa, in particolar modo se è la prima volta, è necessario, se non addirittura fondamentale evitare errori banali di cui potresti pentirti per molto tempo.

L’acquisto di una casa è un passo molto importante ed è quindi normale voler dedicare molta attenzione.

Anche se sembra quasi scontato far verificare all’agente immobiliare di turno l’abitabilità, le condizioni ipotecarie ed il catasto, moltissime persone, sottovalutano l’importanza di richiedere le dovute informazioni sul condominio all’amministratore dello stabile, e di verficare alcuni fondamentali elementi per evitare spiacevoli sorprese in futuro.

Tali informazioni, infatti, possono essere assolutamente rilevanti ed essere decise per l’acquisto dell’immobile che più ci piace. Sembra difficile potersi districare tra innumerevoli impegni e le mille preoccupazioni che ci assalgono quando si prende la decisione di acquistare un immobile. Non preoccuparti, nelle prossime righe ti indicherò cosa richiedere all’amministratore dello stabile prima di acquistare l’immobile dei tuoi sogni.

  1. Richiedere il Regolamento di Condominio
  2. Verificare se sono previsti lavori straordinari
  3. Verificare se sono presenti cause in corso
  4. Aspetti condominiali

1. Richiedere il Regolamento di Condominio

Il primo passo da compiere, è sicuramente quello di richiedere all’amministratore dello stabile, il regolamento di condominio e gli ultimi bilanci, al fine di prevedere le spese condominiali.

L’esame del regolamento di condominio, ha un duplice scopo: il primo è quello di verificare che siano inserite sufficienti clausole per evitare destinazioni moleste o indecorose nelle altre unità immobiliari, l’altro è quello di verificare che il regolamento non vieti la possibilità di cambiare la destinazione d’uso dell’unità immobiliare di cui si sta trattando l’acquisto.

Un altro punto da analizzare bene è quello della ripartizione delle spese, se il regolamento di condominio stabilisce che le spese dell’ascensore, ad esempio, sono suddivise per millesimi e non per piani, l’acquirente non potrà farci nulla, perchè molto probabilmente i condomini dei piani superiori non consentiranno mai alla modifica del regolamento.

Inoltre, il regolamento di condominio, potrebbe contenere disposizioni particolari in contrasto con i propri interessi.

2. Verificare se sono previsti lavori straordinari

Un altro aspetto fondamentale è quello di verificare se sono stati previsti lavori di manutenzione straordinaria delle parti comuni o di ristrutturazione del condominio, come ad esempio l’adeguamento dell’impianto di riscadalmento o il rifacimento della facciata esterna, deliberate in precedenza dall’assemblea dei condomini ma i cui lavori non sono ancora iniziati e le rate della spesa non richieste al momento della compravendita.

In questo caso, l’obbligo ricade sul nuovo proprietario, pertanto è opportuno, prima di saldare al venditore il prezzo convenuto, chiedere all’amministratore dello stabile se esistono spese straordinarie già deliberate.È necessario inoltre, informarsi dell’assenza di spese condominiali arretrate per non rischiare di pagare eventuali debiti del proprietario precedente. In secondo luogo, bisogna accertare che la destinazione d’uso della casa corrisponda a quanto previsto nel regolamento di condominio. Anche la presenza di specifici divieti, come ad esempio possedere degli animali o di installare condizionatori con parti da mettere all’esterno, potrebbe essere influenti per la scelta dell’acquirente. Alcuni elementi importanti da valutare sono la presenza o meno del gas metano, dell’acqua diretta e della rete fognaria, oltre che eventuali certificati di inagibilità di una o più aree del fabbricato in cui è ubicato l’immobile da acquistare.  

3. Verificare se sono presenti cause in corso

Altro aspetto di sicura importanza è il verificare che nel condominio dove andremo ad abitare non ci siano cause in corso, promosse dal condominio contro terzi. Infatti in questi casi, si potrebbe pagare eventuali debiti e le spese legali relative al contenzioso.

4. Aspetti condominiali

E’ fondamentale verificare la regolarità dei pagamenti della parte venditrice, per evitare spese impreviste. Richiedere di effettuare questo tipo di verfica è sicuramente una buona prassi, previa autorizzazione.

Se la parte venditrice inizia a rimandare la consultazione della documentazione dei pagamenti, probabilmente non tutti i pagamenti sono regolari.

Se per qualche motivo, non è stato possibile verficare il regolare pagamento delle spese condominiali, è consuetudine far inserire nel rogito notarile una piccola clausula liberatoria, per non trovarsi nella situazione di essere un condomino moroso, con l’amministratore che ci richiede di pagare le spese arretrate del vecchio proprietario.

A tal fine, si ricorda che il trasferimento di proprietà di un immobile comporta anche il trasferimento di tutti i diritti e gli obblighi legati allo stesso.

Se vuoi parlare con un esperto del settore, compila il form che trovi qui, e ti ricontatteremo GRATUITAMENTE e ti aiuteremo a capire come uscire fuori dalla tua situazione.

P.S. La consulenza telefonica è assolutamente gratuita, insieme potremo valutare la soluzione al tuo problema. Vai qui e prenota la tua consulenza ora.

Schermata-Clicca-Qui

Condividi su:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Leggi anche: